Photo Photo Photo Photo
Il parco Naturale Regionale "Costa Otranto S.M. di Leuca - Bosco di Tricase

 

Il Parco naturale regionale Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase è un parco regionale della Puglia istituito con la Legge Regionale del 26 ottobre 2006, n. 30.

Dal 29 luglio 2008 il Parco è dotato di un  Consorzio per la gestione con sede nel castello di Andrano.

Il Parco nasce  dalla forte volontà di tutelare un patrimonio naturalistico irripetibile, d’altissimo valore scientifico-culturale e dall’intento di valorizzare il territorio secondo un modello di sviluppo eco-sostenibile che garantisca la tutela della biodiversità mentre promuove l’economia delle comunità di riferimento. Tra gli obiettivi che la legge regionale 30/2006 attribuisce alla istituzione del Parco anche lo snellimento delle procedure amministrative e la promozione delle proprie attività attraverso il necessario coinvolgimento delle comunità locali.

Il parco comprende alcuni Siti di Importanza Comunitaria ai sensi della direttiva Habitat 92/43/CE :

Costa Otranto – Santa Maria di Leuca (IT9150002), Boschetto di Tricase (IT9150005) e Parco delle querce di Castro (IT9150019). Si estende su una superficie di 3227 ettari e con circa 57 km lungo la costa orientale Salentina  rappresenta il più grande tra i parchi regionali istituiti nella provincia di Lecce. I comuni che ne fanno parte sono 12:  AlessanoAndranoCastrignano del CapoCastroCorsanoDisoGagliano del Capo, Ortelle,OtrantoSanta Cesarea TermeTiggianoTricase.

Con la sua natura unica nella Regione Puglia di Parco costiero, esso comprende alcune delle località turistiche più rinomate del Salento: un percorso affascinante e ricco di storia da Santa Maria di Leuca, limite meridionale della penisola, al punto più orientale d’Italia: il faro di Punta Palascìa ad Otranto.

Quest’area racchiude  un patrimonio architettonico, culturale e ambientale di grandissimo pregio: la sua struttura geologica regala, infatti, oltre a paesaggi mozzafiato, caratterizzati  dalla presenza di  falesie e prati aridi, sorprendenti testimonianze di un passato che si perde nella preistoria. I percorsi di attraversamento a servizio dei visitatori sono numerosi e differenziati:  la strada litoranea che si snoda a strapiombo su un mare azzurrissimo lungo tutta la fascia costiera, i tipici sentieri delimitati dai muretti a secco, le “vie del sale”, e i suggestivi canaloni trasversali alla linea di costa. In tale area l’habitat rupestre si presenta  particolarmente esteso con un’incredibile concentrazione di endemismi botanici di rara bellezza: il Garofanino Salentino, il Fiordaliso di Leuca, il Fiordaliso Nobile, e il Veccia di Giacomini (solo per citarne alcune).

Agli amanti della fauna il Parco riserva altrettante soddisfazioni:  la migrazione durante il passo primaverile, l’osservazione di splendide specie rapaci, quali il gheppio, la Poiana, il Falco pellegrino.

Di particolare importanza è poi la fauna “nascosta”, delicato ecosistema che invita al massimo rispetto: molteplici le specie di chirotteri e le rarissime presenze di fauna acquatica negli ambienti bui e più interni delle principali grotte sommerse e semisommerse del Parco.

Anche la millenaria frequentazione antropica trova per queste vie straordinarie testimonianze: è il caso dei resti del paleolitico e del neolitico rinvenuti nella grotta Zinzulusa e nella grotta dei Cervi ( qui, di rilievo l’eccezionale arte parietale). Durante la visita al Parco, non sarà poi raro imbattersi nelle tracce di un passato più prossimo: pajare, masserie fortificate e torri dominanti il paesaggio, sino alle splendide ville nobiliari che tradiscono, nei loro multiformi stili, la vocazione di quest’ area e la sua importanza strategica, da sempre crocevia di civiltà. Proprio le stratificazioni storiche, segno del lavoro delle genti che hanno abitato e percorso questi luoghi, imprimono una  forte caratterizzazione al territorio.

Alla storia e alla natura del luogo si uniscono, poi, il radicato senso di ospitalità della gente e le tradizioni enogastronomiche dove genuinità, gusto e cura hanno trasformato i sapori contadini in prodotti d’eccellenza.

Per tutte queste sue peculiarità il Parco naturale regionale Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase è una realtà da tutelare e, prima ancora, da vivere con una riscoperta sensibilità e una nuova consapevolezza.

******************************

SCARICA IL NOSTRO CALENDARIO 2014!

******************************

Calendario 2015 (scaricalo cliccando QUI)

Se lo scorso anno il Calendario del Parco dava ampio spazio alla naturalità e ai panorami sin dalla sua impostazione grafica, quest’anno punta a mettere in risalto il ruolo fondamentale che hanno i prodotti e i paesaggi agrari del Parco. Ma non solo, potremmo definire questo calendario ‘interattivo’, per l’invito che rivolge alla collettività a collaborare al percorso di ricerca di antiche cultivar locali, segnalando quelle varietà che soprattutto a livello familiare vengono coltivate e, per questa via , provvidenzialmente salvate dall’estinzione. L’altro appello che si vuol lanciare invece,  è dedicato alle scuole. I proverbi riportati ogni mese sono un utile suggerimento di ricerca per gli alunni; da qui infatti si possono sviluppare tematiche diverse a partire dal significato profondo che le antiche massime dialettali vogliono lasciare. Le classi che vorranno cimentarsi in questa affascinante ricerca potranno spedire il frutto dei loro risultati a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. per la pubblicazione sul nostro sito

Il Calendario a scuola

Poesia:

Oh grande albero,
dal tronco nodoso,
che troneggi potente e maestoso,
i tuoi antenati,
verranno sempre onorati,
il tuo tronco dalle infinite sembianze,
sorregge la chioma danzante,
ci regali da sempre i tuoi frutti,
che sono speciali per tutti,
i tuoi rami allegramente,
si riempion di frutti da raccogliere prontamente,
le foglie d'argento,
svolazzano nel vento,
il succo d'oro,
condisce il pomodoro.

Francesco Riccardi
Scuola primaria G. B. Saponaro
San Cesario di Lecce

Il Pancotto

Se una pietanza antica e gustosa tu vuoi assaggiare
questa ricetta devi preparare:
Prendi un po’ di pane duro ben cotto
e non lasciare i legumi messi tutti sotto,
mescola ben, bene lentamente
e aggiungi le cicorie attentamente.

-E’ quasi pronto!- devi dire
e prendere il piatto per poi condire
con le olive alla salamoia il pasto che in tavola metterai
e l’assaggio pronto avrai.

Laura Minonne
Scuola Primaria di San Cesario
di Lecce

 
Emergenza xylella: nasce lo sportello del Parco

Parco punta ad offrire spazi di sperimentazione ed informazione utile alla salvaguardia dell’intero patrimonio agro ambientale del territorio. Nasce così, presso la Sede dell’Ente Parco, uno  Sportello pubblico per le buone pratiche agricole che andrà incontro ai conduttori di fondi agricoli per fronteggiare non solo l’emergenza fitosanitaria portata dalla Xylella fastidiosa, ma anche l’abbandono colturale ed il cattivo uso dei suoli agricoli.  Lo staff tecnico dello sportello è costituito da due agronomi e da un biologo naturalista ed è supportato da figure professionali diverse per integrare al meglio conoscenze ed esperienze nei campi dell’agricoltura sostenibile. Il Parco naturale regionale “Costa Otranto – Leuca e Bosco di Tricase” sarà promotore di percorsi di formazione, incontri di divulgazione e confronto in ambito agro-ambientale, supporto ad una più razionale applicazione della Politica Agricola Comunitaria (P.A.C.) e delle Misure di sostegno economico contenute  nel nuovo Piano di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2014-2020. Lo sportello rispetterà i seguenti orari: lunedi, mercoledì e venerdì dalle 18 alle 20 in programmazione di quattro incontri nei comuni del Parco.

Il Parco comunica..

agenda2

Photogallery

2254698

Pubblicazioni


non-solo-libri3351

News


non-solo-libri3351

Agricoltura del Parco


non-solo-libri3351

Newsletter

Vivi il Parco
Fondo

Newsletter

Accetto le condizioni sullaprivacy
Fondo

Educazione ambientale

cets

Albo pretorio

public-1113093035_news_albo-pretorio-on-line

Bandi e avvisi

concorso

Area riservata

area_riservata